Statistiche su acquisti online, eCommerce e Internet (2020) che dovresti conoscere

BuildThis.io si impegna a fornire ai lettori le informazioni più accurate possibili. Nel corso della nostra ricerca raccogliamo molti dati utilizzati per il backup dei nostri articoli. Questo per garantire i massimi livelli di integrità e limitare la distorsione nei nostri risultati.


Facciamo affidamento su dati qualitativi (statistiche numeriche come numeri, percentuali e simili) per offrire ai lettori prove affidabili dei fatti. Questo è ottimale per l’analisi che richiede di basare una decisione aziendale e può servire a minimizzare la possibilità di errori.

Tutti i dati registrati, per quanto possibile, provengono da fonti affidabili come Alexa, Geek Wire, Statista, e Smart Insights.

Utilizzo di Internet & Penetrazione

Tassi di penetrazione nel mondo di Internet per regioni geografiche (marzo 2019).

  • La penetrazione dell’abbonamento Internet globale ha raggiunto il 104 percento nel quarto trimestre del 2018.
  • Gli utenti di Internet globali sono cresciuti dell’8,6 per cento negli ultimi 12 mesi, con 350 milioni di nuovi utenti che hanno contribuito a un totale complessivo di 4.437 miliardi all’inizio di aprile 2019.
  • L’India ha rappresentato la maggiore quota di crescita degli utenti di Internet nel primo trimestre del 2019.
  • A partire dal primo trimestre del 2019, ci sono 560 milioni di utenti Internet attivi in ​​India .
  • Le persone in India hanno trascorso in media 7 ore e 47 minuti utilizzando Internet tramite qualsiasi dispositivo.
  • I 5 siti Web più visitati a livello globale: 1) Google.com, 2) Youtube.com, 3) Facebook.com, 4) Baidu.com, 5) Wikipedia.org.
  • Il numero di coloro che accedono a Internet esclusivamente su un dispositivo mobile crescerà del 10,6% nel 2019, raggiungendo 55,1 milioni di utenti.
  • Utenti di Internet nel mondo per regione: Asia 50,1%, Europa 16,4%, Africa 11,2%, Los Angeles / Carib. 10,1%, Nord America 7,5%, Medio Oriente 4,0%, Oceana / Australia 0,7%.
  • Ci sono 829.000.000 di utenti Internet per marzo / 2019, penetrazione del 58,4%, per CNNIC.
  • Ci sono 560.000.000 di utenti Internet in Mar / 2019, penetrazione del 40,9%, per IAMAI.
  • Nel Regno Unito, ci sono 63,43 milioni di utenti Internet a partire dal 2019, con un tasso di penetrazione del 95%. Le persone hanno trascorso in media 5 ore e 46 minuti utilizzando Internet tramite qualsiasi dispositivo.
  • Gli ultimi dati segnalati suggeriscono che una media di quasi 1 milione di persone è online per la prima volta ogni giorno nell’ultimo anno.
  • WordPress rappresenta il 27% di tutti i siti Web in tutto il mondo, ma solo il 40% circa dei siti WordPress è aggiornato.

Gli utenti di Internet a livello globale raggiungono i 4.437 miliardi ad aprile 2019, sono cresciuti dell’8,6% negli ultimi 12 mesi. Clicca per Tweet

Acquisti online & eCommerce

Quota di e-commerce sul totale delle vendite al dettaglio globali dal 2015 al 2021.

  • L’e-commerce ora comprende oltre il 13% di tutte le entrate al dettaglio nel 2019.
  • I 5 siti Web di shopping più visitati nel 2019, secondo Alexa: 1) Amazon.com, 2) Netflix.com, 3) Ebay.com, 4) Amazon.co.uk e 5) Etsy.com.
  • Amazon è il principale rivenditore online con un fatturato netto di $ 232,88 miliardi nel 2018. La società ha stabilito un record di profitti nel primo trimestre del 2019, registrando un utile netto di $ 3,6 miliardi per il trimestre, o $ 7,09 per azione, schiacciando le aspettative degli analisti per i guadagni di 4,72 USD per azione. Amazon continua a stabilire un nuovo livello di profitti ogni trimestre, con il precedente record di $ 3 miliardi stabilito nell’ultimo trimestre.
  • Si stima che nel 2019 ci saranno 1,92 miliardi di acquirenti digitali globali.
  • Le vendite al dettaglio di eCommerce dovrebbero rappresentare il 13,7% delle vendite al dettaglio globali nel 2019.
  • Il valore totale delle vendite globali di eCommerce al dettaglio raggiungerà $ 3,45 T nel 2019.
  • Nell’ambito del commercio elettronico al dettaglio, la merce generale rappresenterà circa il 67% delle vendite, ovvero $ 401,63 miliardi.
  • La crescita più rapida nel commercio elettronico al dettaglio tra il 2018 e il 2022 è prevista in India e Indonesia.
  • Le vendite al dettaglio di e-commerce dovrebbero rappresentare il 33,6% delle vendite totali al dettaglio in Cina nel 2019.
  • PayPal aveva 267 milioni di account registrati attivi entro il quarto trimestre del 2018.
  • L’economia di Internet del sud-est asiatico raggiunge per la prima volta $ 100 miliardi nel 2019.
  • Si prevede che l’economia di Internet SEA crescerà a $ 300 miliardi entro l’anno 2025 con un CAGR del 33%.
  • Le economie di Internet dell’Indonesia e del Vietnam stanno crescendo oltre il 40% all’anno, i paesi in più rapida crescita nel sud-est asiatico.
  • I pagamenti digitali dovrebbero superare $ 1 trilione entro il 2025, pari a $ 1 ogni $ 2 spesi nel sud-est asiatico.
  • Più di $ 37 miliardi di capitale sono confluiti nell’economia di Internet della SEA negli ultimi quattro anni e la maggioranza è andata a eCommerce e Ride Hailing Unicorns.

Secondo la ricerca di Google, l’economia di Internet nel sud-est asiatico raggiunge per la prima volta $ 100 miliardi nel 2019. Clicca per Tweet

Come le diverse generazioni trascorrono online?

  • Solo il 9,6% di Gen Z riferisce di aver acquistato articoli in un negozio fisico – considerevolmente meno rispetto alle generazioni precedenti (Millennial al 31.04%, Gen X al 27.5% e Baby Boomer al 31.9% rispettivamente).
  • Gli intervistati di Gen Z spendono l’8% in più del loro reddito discrezionale ogni mese online rispetto alla media globale – e tendono a preferire gli acquisti online a quelli effettuati offline.
  • Solo il 56% dei consumatori di Gen Z ha effettuato un acquisto in un negozio fisico negli ultimi sei mesi rispetto al 65% di tutti gli intervistati.
  • Il 30% degli acquirenti di Gen Z ha visto un annuncio sul prodotto sui social media e il 22% ha visitato almeno uno dei canali social del marchio prima di effettuare un acquisto in negozio.
  • Solo un quarto (27%) dei baby boomer o degli anziani considera influente la disponibilità di finanziamenti.
  • Man mano che le esperienze online diventano sempre più fluide, i marchi cercheranno di costruire fossati intorno a sé con esperienze offline di alta qualità e alta interattività. Per tenere conto di tutte le esigenze di esperienza offline, aspettati un aumento delle assunzioni da parte delle generazioni più anziane che una volta costruivano le meccas delle esperienze di vendita al dettaglio nei loro tempi d’oro.

Comportamenti di acquisto online dei consumatori

Statistiche del tasso di conversione eCommerce di ShopifyShopify Tasso di conversione BFCM per canali

  • Tassi di conversione su varie fonti di traffico durante Shopify Black Friday e Cyber ​​Monday 2018: Email: 4,38%; Diretto: 4,35%; Cerca: 3,60% e Social: 2%.
  • Negli ultimi 6 mesi, il 78% degli intervistati globali al sondaggio di BigCommerce ha effettuato un acquisto su Amazon, il 65% in un negozio fisico, il 45% in un negozio online di marca, il 34% su eBay e un altro 11% Facebook.
  • Per il 36% degli intervistati, i finanziamenti hanno consentito loro di acquistare un’opzione più costosa di quanto stessero considerando in precedenza e un altro 31% dei consumatori non avrebbe effettuato l’acquisto altrimenti.
  • Alla domanda sui loro comportamenti di acquisto prima di effettuare un acquisto in un negozio fisico, il 39% dei consumatori digitali ha visitato il sito Web di un marchio, il 36% ha letto le recensioni dei clienti, il 33% ha tentato di abbinare il prezzo al prodotto online, con il 32% ha trovato il marchio su Amazon.
  • eBay rimane una destinazione di acquisto preziosa nel Regno Unito, con oltre la metà (57%) degli intervistati che effettuano un acquisto sul proprio mercato nel corso degli ultimi sei mesi.
  • Il targeting cross-device produce il 16% in più di conversioni per gli inserzionisti al dettaglio negli Stati Uniti.
  • Un numero maggiore di acquirenti digitali acquista abbigliamento online nel 2019, con vendite online che aumenteranno del 14,8% anno su anno, rispetto a una crescita del 1,9%.
  • Nel Regno Unito, il 30% dei rivenditori investe in tecnologia in modo che i clienti possano utilizzare il Web per restituire ciò che hanno acquistato in negozio.
  • L’84% delle persone abbandonerà un acquisto se ha a che fare con un sito Web non garantito.
  • Il 63% dei clienti ha maggiori probabilità di effettuare un acquisto da un sito che ha recensioni degli utenti.
  • Quasi il 70% degli acquirenti intervistati afferma che la loro più recente esperienza di reso è stata “facile” o “molto semplice” e il 96% acquisterebbe nuovamente con un rivenditore in base a tale esperienza.
  • Oltre i due terzi degli acquirenti dichiarano di essere scoraggiati dal pagamento delle spese di spedizione per la restituzione (69%) o di riassortimento (67%) e il 17% ha dichiarato di non effettuare un acquisto senza la possibilità di tornare in un negozio.
  • La posta è il modo più comune (74%) per restituire un acquisto online.
  • Il tasso medio di abbandono globale del carrello nel terzo trimestre del 2018 è stato del 76,9%.
  • La percentuale di apertura media per un’e-mail di carrello abbandonata è del 15,21% e la percentuale di clic media è del 21,12% per gli utenti di SmartrMail.
  • Le entrate medie per e-mail per un’e-mail del carrello abbandonata sono di $ 27,12 (per gli utenti di SmartrMail).
  • Le e-mail del carrello abbandonate sono il tipo di e-mail più redditizio che è possibile inviare come rivenditore online.

Come gli americani trascorrono online?

Solo negli Stati Uniti 97 milioni di persone hanno un abbonamento Amazon Prime (fonte infografica: Subscriptionly)

  • Il commercio elettronico al dettaglio rappresenterà il 10,9% della spesa totale al dettaglio negli Stati Uniti in tutti i commercianti nel 2019, circa un ottavo delle dimensioni della vendita al dettaglio in mattoni e malta.
  • L’80% degli utenti di Internet negli Stati Uniti ha effettuato almeno un acquisto online.
  • Ci sono oltre 95 milioni di membri Amazon Prime negli Stati Uniti.
  • In media, due consumatori statunitensi su cinque (41%) ricevono uno o due pacchetti da Amazon a settimana. Tale numero passa alla metà (50%) per i consumatori di età compresa tra 18 e 25 anni e il 57% per i consumatori di età compresa tra 26 e 35 anni.
  • L’83% degli acquirenti online statunitensi si aspetta comunicazioni regolari sui propri acquisti.
  • Il 61% dei consumatori statunitensi afferma di aver inviato messaggi a un’azienda negli ultimi 3 mesi.
  • Il 70% dei consumatori statunitensi che inviano messaggi alle aziende si aspettano una risposta più rapida di quella che avrebbero ottenuto se avessero utilizzato una modalità di comunicazione più tradizionale.
  • Il 69% dei consumatori statunitensi che inviano messaggi alle aziende afferma che essere in grado di inviare messaggi a un’azienda aiuta a sentirsi più sicuri del marchio.
  • Il 79% dei consumatori statunitensi ha dichiarato che la spedizione gratuita li renderebbe più propensi ad acquistare online.
  • Il 54% dei consumatori statunitensi di età inferiore ai 25 anni ha dichiarato che la spedizione nello stesso giorno è il driver di acquisto numero uno.
  • Solo il 15% dei consumatori statunitensi ha affermato che i rivenditori online offrono sempre opzioni di spedizione che soddisfano le loro aspettative in termini di velocità di consegna, rispetto al 30% che dichiara lo stesso per Amazon.
  • Il 53% degli acquirenti online statunitensi non acquisterà un prodotto se non sa quando arriverà.
  • Il 54% degli acquirenti online statunitensi offrirà attività ripetute a un rivenditore in grado di prevedere quando arriverà un pacco.
  • Il 42% degli acquirenti online statunitensi ha restituito un articolo acquistato online negli ultimi sei mesi.
  • Il 63% degli acquirenti online statunitensi ha dichiarato che non effettuerebbe un acquisto se non riuscisse a trovare la politica di restituzione.
  • Quasi il 70% degli acquirenti online statunitensi ha dichiarato che la loro più recente esperienza di reso è stata “facile” o “molto semplice” e il 96% avrebbe acquistato di nuovo da quel rivenditore in base a tale esperienza.
  • Il 59% degli acquirenti online statunitensi ha dichiarato di voler ricevere notifiche sullo stato del rimborso.
  • Il 41% degli acquirenti online statunitensi ha dichiarato di “raggruppare” almeno alcuni acquisti online (“bracketing” si riferisce all’acquisto di più versioni dello stesso articolo, quindi alla restituzione di quelle che non funzionavano).
  • Il 58,6% degli acquirenti online statunitensi ha abbandonato un carrello negli ultimi 3 mesi perché “Stavo solo navigando / non ero pronto per l’acquisto”.
  • Il 29% degli acquirenti online statunitensi utilizza o prevede di utilizzare i chatbot per fare acquisti online.
  • I tre principali motivi per cui gli acquirenti online statunitensi abbandonano un carrello durante il checkout sono elevati costi aggiuntivi, la necessità di creare un account e un processo di checkout complicato (questi sono i risultati del sondaggio dopo aver rimosso il messaggio “Stavo solo navigando / non sono pronto per l’acquisto “Segmento).

Ci sono oltre 95 milioni di membri di Amazon Prime negli Stati Uniti. In media, due consumatori su cinque negli Stati Uniti (41%) ricevono almeno un pacchetto da Amazon a settimana. Clicca per Tweet

Marketing digitale & Spese pubblicitarie

  • Oltre il 90% dell’esperienza online inizia con un motore di ricerca.
  • Un sondaggio di novembre 2018 di CPC Strategy ha rilevato che circa uno su cinque utenti di Internet ha cercato frequentemente vestiti tramite canali digitali.
  • L’alto costo dei media a pagamento (Google, Facebook, Amazon, ecc.) E la difficoltà di garantire il ritorno sulla spesa pubblicitaria renderanno i team dei media a pagamento sempre più importanti per i marchi di e-commerce e sempre più allusivi e costosi da avviare.
  • A causa dell’elevato costo dei media a pagamento e dei team di mezzi a pagamento, nonché della divorazione da parte dei consumatori di più contenuti di alto livello, i contenuti e il commercio continueranno a essere un produttore di denaro per i marchi che investono in modo adeguato.
  • Nel terzo trimestre del 2018, il 77% del traffico sui negozi Shopify proveniva da dispositivi mobili.
  • Portata potenziale della pubblicità su Facebook: 1.887 milioni.
  • Il tempo medio tra una ricerca di prodotti Google e un acquisto è di 20 giorni; mentre su Amazon il numero è di 26 giorni.
  • Il 35% delle ricerche di prodotti Google si trasforma in transazioni entro 5 giorni.
  • La spesa per gli annunci di Google Shopping è aumentata del 43% su base annua nel quarto trimestre del 2018, rendendo il trimestre il tasso di crescita più veloce in due anni.
  • Gli annunci di Google Shopping hanno un CTR più elevato rispetto agli annunci sui prodotti sponsorizzati e sui marchi sponsorizzati di Amazon.
  • Il 91% dei marchi al dettaglio utilizza 2 o più canali di social media.
  • Tuttavia, solo il 43% dei negozi online registra un traffico significativo dalle proprie pagine sui social media.

Utilizzo di Internet mobile & tendenze

  • A livello globale, abbiamo visto 30 miliardi di download globali combinati di app, anche il più grande trimestre di sempre, con un aumento del 10% anno su anno.
  • Le tre principali app di messaggistica hanno una base di utenti di 1 miliardo o più.
  • Nel primo trimestre del 2019, la spesa globale per i consumatori di iOS e Google Play ha superato i $ 22 miliardi, il trimestre più redditizio di sempre, con un aumento del 20% anno su anno.
  • Oggi ci sono 5,11 miliardi di utenti mobili unici al mondo, in aumento di 100 milioni (2 percento) nell’ultimo anno.
  • Ora ci sono più di 5,1 miliardi di persone in tutto il mondo che usano un telefono cellulare – un aumento su base annua del 2,7% – con gli smartphone che rappresentano oltre i due terzi di tutti i dispositivi attualmente in uso.
  • Nel quarto trimestre del 2018, il numero totale di abbonamenti mobili è stato di circa 7,9 miliardi, con un’aggiunta netta di 43 milioni di abbonamenti nel trimestre.
  • Il numero di utenti di smartphone statunitensi raggiungerà 232,8 milioni nel 2019, superando per la prima volta gli utenti di Internet desktop / laptop (228,9 milioni).
  • Oltre 230 milioni di consumatori statunitensi possiedono smartphone, circa 100 milioni di consumatori statunitensi possiedono tablet.
  • Si stima che siano attualmente in uso 10 miliardi di dispositivi mobili connessi.
  • Il 59% degli utenti di smartphone preferisce le aziende con siti o app mobili che consentono loro di effettuare acquisti in modo semplice e rapido.
  • A gennaio 2019, ci sono 53.60 milioni di utenti attivi di Internet mobile nel Regno Unito.
  • In India, ci sono 515,2 milioni di utenti attivi di Internet mobile.
  • Ci sono 765,1 milioni di utenti di Internet mobile attivi in ​​Cina.
  • Il 69% degli utenti di smartphone afferma di avere maggiori probabilità di acquistare da aziende con siti mobili o app che rispondono alle loro domande.
  • Google è responsabile per il 96% di tutto il traffico di ricerca degli smartphone
  • Il 90% dei 360 milioni di utenti di Internet nel sud-est asiatico si connettono a Internet principalmente tramite i loro telefoni cellulari.

Google è responsabile per il 96% di tutto il traffico di ricerca degli smartphone! Clicca per Tweet

Le persone acquistano di più dal proprio cellulare

  • Quasi il 40% di tutti gli acquisti di eCommerce durante le festività natalizie 2018 sono stati effettuati su uno smartphone.
  • L’80% degli acquirenti ha utilizzato un telefono cellulare all’interno di un negozio fisico per cercare recensioni di prodotti, confrontare prezzi o trovare posizioni di negozi alternativi.
  • L’80% degli americani è acquirente online. Più della metà di essi ha effettuato acquisti su dispositivi mobili
  • Le persone che hanno una brutta esperienza mobile con la tua azienda hanno il 62% in meno di probabilità di diventare clienti in futuro.
  • Durante il Black Friday e il Cyber ​​Monday 2018, il 66% delle vendite dei commercianti di Shopify è avvenuto su dispositivi mobili rispetto al 34% su desktop.
  • Rispetto ai non utenti, gli utenti di Instagram hanno il 70% in più di probabilità di effettuare acquisti online sui propri dispositivi mobili.
  • Il 6% degli acquirenti online preferisce i portafogli mobili rispetto ad altre forme di pagamento.
  • I clienti si affidano al cellulare mentre fanno acquisti nei negozi fisici.
  • Due terzi degli acquirenti controllano i telefoni in negozio per informazioni sui prodotti, saltando i dipendenti del negozio.
  • L’e-commerce mobile dovrebbe rappresentare il 67,2 percento delle vendite digitali nel 2019.
  • Più di un terzo delle vendite online del Black Friday 2018 sono state completate su smartphone.
  • Il 79% degli utenti di smartphone ha effettuato un acquisto online utilizzando i propri dispositivi mobili negli ultimi 6 mesi.
  • Riduzione del 20% delle conversioni riscontrate per ogni secondo di ritardo nel tempo di caricamento della pagina mobile.
  • È probabile che il 53% delle visite da dispositivi mobili venga abbandonato se i tempi di caricamento sono superiori a tre secondi.
  • I siti mobili nella Cina continentale sono i più veloci della regione con un tempo di caricamento medio di 5,4 secondi.
  • Il 76% delle persone che cercano qualcosa nelle vicinanze sul proprio smartphone visita un’attività correlata entro un giorno e il 28% di tali ricerche ha come risultato un acquisto.
  • Le ricerche da dispositivo mobile per “negozio aperto vicino a me” (come “negozio di alimentari aperto vicino a me” e “negozio di ricambi auto aperto vicino a me”) sono cresciute di oltre il 250% negli ultimi due anni.
  • Le ricerche da dispositivo mobile per “in vendita” + “near me” (come “pneumatici in vendita vicino a me” e “case in vendita vicino a me”) sono cresciute di oltre il 250% su base annua negli ultimi due anni.
  • Le pagine dei prodotti e il design mobile sono i due punti di contatto più apprezzati nel percorso dei consumatori mobili per i siti mobili APAC.
  • Il 79% dei consumatori nei paesi APAC cercherà ancora informazioni online, anche nei punti vendita nei negozi.

Reti di social media

eMarketer prevede che il 51,7% degli utenti dei social network statunitensi sarà mobile-only nel 2019.

  • Numero totale di utenti attivi di social media: 3.499 miliardi.
  • Numero totale di utenti social che accedono tramite dispositivi mobili: 3,429 miliardi.
  • Il numero di utenti dei social media ha registrato una solida crescita nel 2018, aumentando di oltre 200 milioni da questo momento dell’anno scorso per raggiungere quasi 3,5 miliardi al momento della pubblicazione.
  • Top 5 siti di social media: 1) Facebook.com, 2) Twitter.com, 3) Linkedin.com, 4) Pinterest.com, 5) Livejournal.com.
  • Utenti attivi di social media in percentuale della popolazione totale: 45%.
  • Facebook ha registrato una base di utenti attivi mensili totali di 2.320 miliardi di utenti sulla piattaforma principale di Facebook, vale a dire non includendo i dati per Instagram e WhatsApp.
  • Il 51,7% degli utenti dei social network statunitensi sarà mobile-only nel 2019.
  • Nel Regno Unito, ci sono 39 milioni di utenti di social media mobili a gennaio 2019.
  • Ci sono 45 milioni di utenti attivi di social media nel Regno Unito, con una penetrazione del 67%.
  • La Gen Z spende poco per i prodotti che trovano su Facebook – 11,8% rispetto ai Millennial al 29,39%, Gen X al 34,21% e Baby Boomers al 24,56%.
  • Il 44% degli utenti attivi di Instagram afferma di utilizzare i social media per condurre ricerche sul marchio. Questa è la percentuale più alta tra i principali social network.
  • Il 96% dei marchi di moda con sede negli Stati Uniti utilizza Instagram per raggiungere i consumatori.
  • Instagram è in vantaggio su Facebook con un tasso di coinvolgimento medio dell’1,60% per post per i marchi.
  • Giugno 2018, c’erano 400 milioni di utenti Instagram Stories attivi ogni giorno. Sono 300 milioni in più di utenti dal suo lancio nel 2016.
  • Attualmente ci sono 326 milioni di utenti attivi mensili su Twitter.

India

  • Tempo medio giornaliero trascorso utilizzando i social media in India: 2 ore 32 minuti.
  • Numero totale di utenti attivi di social media in India: 310 milioni.
  • Ci sono 290 milioni di utenti attivi di social media che accedono tramite dispositivi mobili in India.

Cina

  • Ci sono 1,007 miliardi di utenti di social media attivi in ​​Cina.
  • Le piattaforme di social media più attive in Cina: WeChat, Baidu Tieba, QQ, Sina Weibo, Youku.

Social media marketing

  • La sfida numero 1 del social marketer è ancora il ROI. L’utile sul capitale investito è la principale preoccupazione per il 55% dei social marketer.
  • In prima linea con i clienti e le prospettive di tutti i giorni, una stragrande maggioranza (88%) di social marketer comprende l’importanza del servizio clienti sui social; più della metà (45%) degli intervistati dei consumatori ha contattato un’azienda sui social.
  • Più della metà dei social marketer non ha accesso a tutto il software di cui hanno bisogno e il 65% dei social marketer indica la necessità di una risorsa dedicata per lo sviluppo dei contenuti.
  • Un enorme 97% dei social marketer elenca Facebook come il loro social network più utilizzato e utile, e Instagram fa esplodere Snapchat dall’acquisizione di social marketer e dall’adozione da parte dei consumatori.
  • L’83% degli esperti di marketing utilizza Instagram e il 13% utilizza Snapchat; Il 51% dei consumatori utilizza Instagram e il 30% utilizza Snapchat.
  • L’83% delle persone afferma che Instagram li aiuta a scoprire nuovi prodotti e servizi. L’81% afferma che la piattaforma li aiuta a ricercare prodotti e servizi e l’80% afferma che li aiuta a decidere se effettuare un acquisto.
  • Il coinvolgimento tra utenti e marchi su Instagram è 10 volte maggiore di quanto non sia su Facebook, 54 volte maggiore di quanto sia su Pinterest e 84 volte maggiore di quanto sia su Twitter.

fonti:

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map